biolitec® in Coloproctology

Minimally invasive laser therapy of anal fistula

FiLaC®

Soluzioni tecnicamente più avanzate per problemi di intimità - Trattamento per le fistole anali

Bouassida einzeln webDr. Skander Bouassida è medico capo alla Clinica di Coloproctologia della Clinica Vivantes Humboldt-Klinikum di Berlino e lavora come chirurgo addominale, specialista rettale e proctologo. Ha una formazione specifica soprattutto nel trattamento del colon, del retto e delle malattie anali ed è certificato in chirurgia mini-invasiva e robotizzata. Negli orari di consultazione specialistica del Centro Operativo Ambulatoriale ("AOZ"), i pazienti trovano un primo punto di contatto per le loro preoccupazioni e comprensione e consigli empatici e cure.


La Clinica di Coloproctologia dispone di un'ampia gamma di trattamenti e terapie. Cosa rende speciale il vostro approccio terapeutico?
Dr. Skander Bouassida: Le malattie rettali e del colon toccano l'ultimo tabù della nostra intimità. Il soggetto è istintivamente sgradevole sia per i pazienti che per i medici. Lo sviluppo delle conoscenze mediche e delle procedure ad alta tecnologia in coloproctologia negli ultimi anni ha portato ad una separazione dalla cosiddetta chirurgia generale alla coloproctologia specializzata, analogamente alla cardiologia, ad esempio, si è separata dalla medicina generale. Questa concentrazione da un lato sulla migliore medicina high-tech possibile in combinazione, d'altra parte, con un approccio molto comprensibile e personale alle cose pratiche e intime dei nostri pazienti – questo è ciò che distingue l'approccio terapeutico del mio team. Questo permette, con ottimi risultati, di preservare il muscolo sfintere e di ottenere un trattamento relativamente indolore.

Che ruolo giocano la chirurgia assistita da robot e le procedure minimamente invasive nella proctologia?
Dr. Skander Bouassida: Molto decisivo. Ogni persona affetta vuole la procedura più piccola, più sicura e meno dolorosa possibile. I tempi in cui le grandi operazioni che portavano alle mutilazioni erano la regola sono finiti. Ciò che rende la vita molto più facile per i pazienti significa uno sforzo tecnico molto maggiore per il medico. Con procedure minimamente invasive possiamo operare in sicurezza attraverso piccoli punti di sutura nella cavità addominale o attraverso gli orifizi naturali del corpo. I bracci robotizzati, da me controllati a distanza, sono particolarmente sottili e precisamente mobili e mi sostengono durante i difficili interventi sul pelvico stretto.

Come trattate di solito le fistole anali?
Dr. Skander Bouassida: Le fistole anali sono connessioni infiammatorie patologiche del dotto tra intestino e glutei o tra intestino e vagina. Le fistole anali richiedono quasi sempre un intervento chirurgico. Per anni abbiamo applicato fondamentalmente un concetto multistadio, minimamente invasivo e adattato alle fase: In primo luogo, la fistola deve essere pulita con una piccola operazione e liberata da infezioni acute e liquidi non segregati. In questo modo il tratto di fistola è il più piccolo possibile. Poi, a seconda del corso della fistola, il restauro definitivo viene eseguito con una seconda procedura. Combiniamo tecniche come il metodo dei lembi della parete rettale, il metodo LIFT, il metodo laser FiLaC® o la chirurgia plastica dello sfintere anale con, ad esempio, lembi in plastica levator o Gracilis..... In ogni caso, si evita sempre una semplice recisione del muscolo sfintere, con tutte le conseguenze. Dal 2015, utilizziamo il metodo laser per fistole anali, fistole coccige, alterazioni patologiche dell'ano e dei tumori e nella cavità addominale.

Come funziona esattamente la procedura con il metodo FiLaC®?
Dr. Skander Bouassida: La procedura viene eseguita in anestesia con maschera – il paziente non nota nulla. In primo luogo viene eseguita un'anestesia locoregionale, in modo che dopo che l'anestesia si è calmata, il dolore è minimo. La fistola anale viene poi sondata, fotografata, pulita (raschiata) con una curette, spazzolata e risciacquata. L'orifizo interno è tagliato con molta parsimonia (ghiandola causale) e chiusa con una sutura. Nel caso di reperti di grandi dimensioni, la sutura è assicurata con un lembo della parete intestinale. Successivamente l'intera fistola patologica viene contemporaneamente distrutta e incollata (fotocoagulazione) utilizzando l'apposita sonda laser del metodo FiLaC® con energia luminosa. L'orifizo esterno è tagliato in modo da garantire uno scarico pulito della secrezione fino alla guarigione sicura.

Quanto tempo ci vuole perché il paziente riprenda le sue attività quotidiane?
Dr. Skander Bouassida: Rispetto ad altre operazioni proctologiche, i pazienti si rimettono rapidamente in forma, anche se una ferita nell'area intima è generalmente sgradevole. La dimissione avviene solitamente il 2° giorno, quando il cibo, l'attività intestinale e la cura dell'intimità hanno successo. La maggior parte dei pazienti va d'accordo con la vita quotidiana dal terzo giorno in poi. Non sono necessarie bende speciali. La secrezione della ferita dura 2 - 3 settimane, è sufficiente un semplice cuscinetto della ferita. Il dolore e' migliorato molto prima. La guarigione definitiva della ferita può richiedere più tempo, ma di solito i pazienti sono ancora completamente resilienti.

L'assicurazione sanitaria paga per il trattamento laser?
Dr. Skander Bouassida: La chirurgia della fistola è coperta dall'assicurazione sanitaria, ma non i costi aggiuntivi della terapia laser. Questi costi sono stati finora sostenuti dal nostro Centro di Coloproctologia certificato presso il Vivantes Humboldt-Klinikum – il beneficio medico mi sembra chiaro per i pazienti idonei. I nostri pazienti non devono quindi temere costi aggiuntivi.


Ulteriori informazioni: www.vivantes.de


Zertifikate Gesamt

 


I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok